Questo metodo di trapianto di capelli è un’evoluzione del strip, ed è applicata per la prima volta dal team medico del dottor Ioannis Papaggelopoulos il 2007.

Il micro-strip è applicato agli interessati agli quali è impossibile il prelievo d’innesti con lo strip classico per mancanza di elasticità dell’area donatrice ma anche nei casi che l’area donatrice è piccola.

Poiché il numero d’innesti prelevati in questo metodo di trapianto di capelli è proporzionale al numero dello strip classico, può essere applicato anche ai candidati che non desiderano per le loro ragioni lo strip con il prelievo della striscia o la FUE.

Le dimensioni delle particelle ottenute con il metodo di trapianto di capelli microstrip non supera i 2,5 – 3 cm e non lascia alcuna cicatrice se effettuata da chirurgo dermatologo qualificato.

Le probabilità di perdita d’innesti con il metodo di trapianto di capelli microstrip -come nel metodo strip- sono minime in contrasto con il metodo FUE con il quale durante il prelievo d’innesti può essere perso fino al 30% causa del modo ‘cieco’ di prelievo ( vedere la tecnica FUE).